CINI Italia | In supporto a Child In Need Institute - CINI India

Una seconda possibilità

30 Mar

La vita è sempre stata dura per Seema Gurung, ragazza di 16 anni di Alipurduar. Sua madre è morta quando lei era ancora una neonata mentre suo padre la maggior parte del tempo è fuori per lavoro. Essendo cresciuta per lo più con i parenti quindi, si è dovuta trasferire spesso da un luogo all’altro e non ha mai potuto inserirsi in un contesto scolastico né ha mai instaurato legami di amicizia.

Nel periodo in cui è rimasta in Nepal con la sorella più grande, Seema ha cominciato a sentirsi con un amico di penna chiamato Rajib Tamang, con il quale ha continuato a scriversi per settimane. Con il passare del tempo, Seema si è innamorata di lui e Rajib ha colto l’occasione per andare in Nepal e incontrarla. In seguito i due hanno visitato diversi luoghi come la città di Darjeeling e quella di Kurseong, soggiornando insieme in hotel. Durante questo periodo però, i due hanno litigato e in un’occasione Rajib l’ha abbandonata alla stazione di Siliguri. Seema, sola e disorientata, è rimasta qualche ora nei pressi della stazione, finchè fortunatamente gli operatori della stazione l’hanno notata e sono intervenuti, rassicurandola e cercando di capire cosa le fosse capitato. Seema ha riassunto brevemente la sua storia e in seguito si è deciso di affidarla a Childline. CINI Childline ha parlato con Seema prima del Comitato per il benessere e la tutela dei bambini, il quale aveva suggerito di affidare la ragazza al Rifugio CINI di accoglienza per ragazze nel Nord Bengala, per la sua cura, protezione e consulenza. Gli operatori di CINI, parlando con la ragazza, hanno scoperto che era incinta. Inizialmente Seema voleva tenere il bambino ma, dopo essere stata informata sui rischi e le conseguenze che avrebbe potuto riscontrare durante e dopo la gravidanza, decise di abortire. Così, dopo un’appropriata consultazione di un medico, si è sottoposta all’operazione. Nei giorni successivi, il Comitato per il benessere e la tutela dei bambini ha ordinato che Seema venisse spostata dal Rifugio di accoglienza CINI ad una casa di accoglienza a lungo termine per ragazze a Jalpaiguri.

E’ stata iscritta ad una scuola media Hindi e al momento studia in terza media.“Sono molto felice ora,” ha detto recentemente Seema. “Ora ho qualcosa da portare avanti nella vita. Sto studiando, mi sto impegnando molto in modo da riuscire a cavarmela da sola in futuro. Sono grata a tutti coloro che mi hanno aiutata e guidata così lontano durante il mio percorso.”

Post Comment

Top