CINI Italia | In supporto a Child In Need Institute - CINI India

Reinserire Pallabi a scuola

27 Dic

“Il matrimonio sembrava una giusta scelta per nostra figlia, la società diceva così…e noi credevamo che fosse la cosa giusta da fare. Non conoscevamo i possibili danni che questo può causare” – I genitori di Pallabi

Il matrimonio precoce è uno dei mali che affligge lo Stato del Bengala Occidentale. Più del 40% delle ragazze continua a sposarsi prima di compiere diciotto anni (NFHS-4, West Bengal, 2015-16). La nostra associazione umanitaria CINI sta cercando di combattere questa situazione sostenendo le ragazze adolescenti nella formazione di gruppi in cui loro possano condividere informazioni e supportarsi nella vita, in una relazione di mutuo scambio. Pallabi Das è una di queste ragazze.

Pallabi, una ragazza indiana di 15 anni, sogna in grande per la sua vita. Studia nella classe IX e prevede di iscriversi ad una scuola per infermiere in futuro. La giovane vive nel villaggio di Rasunpur a Murshidabad, un villaggio remoto del Bengala Occidentale dove le ragazze continuano a vivere sottostando a severe restrizioni.

Ciononostante, Pallabi sogna di realizzare la sua vita come desidera e di prendersi cura della sua famiglia. Lei e sua sorella maggiore fanno parte di un gruppo di adolescenti che si è formato con il supporto dello staff dell’organizzazione umanitaria CINI. Pallabi ama interagire con il gruppo attraverso gli incontri che organizzano, in cui le ragazze discutono di vari argomenti.

Tuttavia, queste scelte di Pallabi non sono andate bene ai suoi genitori. Essi hanno temuto che la loro figlia potesse “uscire dalle loro mani” e hanno dunque deciso di fissare il suo matrimonio con un uomo del Jharkhand.

Le numerose proteste di Pallabi contro questo matrimonio sono cadute nel vuoto e le è stato impedito di lasciare la casa. La sorella della ragazza è dunque intervenuta in suo soccorso ed ha informato le ragazze del suo gruppo, lo staff di CINI, le operatrici della salute locali, l’insegnante della scuola e il rappresentante del Panchayat. Queste figure hanno visitato la casa di Pallabi, ma la famiglia della giovane ha negato l’organizzazione del matrimonio.

L’operatrice di CINI ha quindi deciso di informare l’autorità del Panchayat e insieme hanno visitato la casa di Pallabi. Grazie a questo intervento, i genitori della ragazza hanno infine rivelato che avevano già fissato il suo matrimonio.

Tutti hanno iniziato a far comprendere ai genitori di Pallabi che la ragazza era una studentessa promettente e che avrebbe potuto aggiungere così tanto valore alla loro famiglia se le avessero permesso di proseguire la sua istruzione. Di fronte alla pressione collettiva e alle richieste della propria figlia, i genitori di Pallabi hanno finalmente ceduto e hanno fatto una dichiarazione scritta in cui hanno annunciato di non dare le loro figlie in spose prima dell’età legale di diciotto anni, annullando così il matrimonio di Pallabi.

La vita della ragazza è finalmente tornata alla normalità e la giovane è ora di nuovo a scuola. Lasciandosi questa storia alle spalle, Pallabi si sta impegnando per diventare la rappresentante della sua classe.

Post Comment

Top