CINI Italia | In supporto a Child In Need Institute - CINI India

La testimonianza di Rehena, una mamma indiana

15 Dic

Le parole di Rehena, una mamma indiana che ha partecipato al nostro progetto di sostegno a distanza Adotta una mamma, sono la testimonianza concreta dell’impatto che questo intervento ha sulle vite delle donne con cui lavoriamo. Rehena vive nella zona di Diamond Harbour, a sud di Calcutta. Qui, da anni, CINI lavora con le mamme per sensibilizzarle e combattere assieme a loro la malnutrizione in utero e infantile. Tra queste, c’è anche Rehena.

Rehena è una ragazza molto giovane, di soli 19 anni. Non lavora, ha frequentato la scuola solo fino ai 12 anni e si è sposata molto presto con Selim. Suo marito fa il sarto e non guadagna molto. Non hanno altri figli, ma vivono con i suoceri, di cui Rehena si prende cura. Quando rimane incinta, la ragazza è felice ma non sa come prendersi cura di sé in maniera adeguata durante questo delicato periodo. Rehena, quindi, continua a comportarsi come prima, a nutrirsi come prima, a fare gli stessi lavori domestici, anche pesanti, senza l’aiuto di nessuno.

CINI interviene per sostenere questa mamma indiana

Le nostre operatrici sociosanitarie sul campo selezionano Rehena per il progetto Adotta una mamma e cominciano a farle visita regolarmente. Durante la gravidanza, le operatrici le insegnano come prendersi cura di sé e della propria igiene e come nutrirsi in maniera adeguata; la accompagnano ai 4 controlli prenatali previsti dal progetto e le consigliano di assumere ferro e acido folico. Nel percorso vengono coinvolti anche il marito e i suoceri, che capiscono quale ruolo importante abbiano durante la gravidanza e come aiutare Rehena. Dopo qualche mese, nasce una bambina sana e in salute: Suraj!

Dopo la nascita, il progetto continua e le operatrici di CINI fanno visita regolarmente a Rehena e Suraj. La crescita della bambina viene monitorata costantemente e la mamma viene sensibilizzata sull’importanza dell’alimentazione e delle vaccinazioni. Rehena e Suraj si recano alle visite ambulatoriali e partecipano a tutti gli incontri di sensibilizzazione che CINI organizza.

A distanza di due anni e mezzo dalla nascita di Suraj, eccole qui, sorridenti e in salute, che ci raccontano la loro testimonianza sul progetto.

Post Comment

Top