fbpx
CINI Italia | In supporto a Child In Need Institute - CINI India

Mamo Asha Centre: un centro per i bambini vulnerabili di Calcutta

22 Gen

Area: Calcutta (Bengala Occidentale)
Durata: 1 anno – 2023/2024
Partner: Mamo Educational Foundation

Mamo Educational Foundation e CINI hanno dato vita ad un partenariato strategico, con l’obiettivo di recuperare bambini vulnerabili di Calcutta, attraverso il Mamo Asha Centre. Questo partenariato si concretizzerà nella costruzione del centro stesso e nell’apertura di Spazi Sicuri Comunitari nelle aree limitrofe, per servire l’infanzia marginale indiana.

Il contesto nel quale si svilupperà l’intervento

La città di Calcutta è cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni, a causa della migrazione di famiglie povere dagli Stati indiani vicini e dai Paesi limitrofi. Queste famiglie vivono all’interno di baraccopoli, in prossimità di stazioni, sui marciapiedi o sotto cavalcavia, in condizioni di forte marginalità. In questa situazione, moltissimi bambini vedono i loro diritti fondamentali costantemente violati. I loro genitori lavorano per molte ore di seguito in condizioni di sfruttamento per riuscire a sfamarli, lasciandoli allo stesso tempo però privi della supervisione necessaria. Così, spesso i bambini non vanno a scuola, ma vagano senza meta per le strade della città, correndo seri rischi e finendo vittime di abusi e sfruttamento.

Lo scoppio della pandemia di COVID-19 e la situazione di crisi globale hanno esacerbato questa situazione, provocando un aumento dei casi di violenza sui minori, dei matrimoni precoci, del traffico di bambini. Con la chiusura prolungata delle scuole indiane, inoltre, è cresciuto il tasso di abbandono scolastico, esponendo ulteriormente i minori a rischi e pericoli. Va sottolineato, infine, che nella maggior parte delle baraccopoli di Calcutta ci sono poche scuole pubbliche. Per i bambini e le bambine di queste aree, dunque, accedere all’istruzione è ancora più difficile.

Il Mamo Asha Centre e i servizi per i bambini di Calcutta

Asha in sanscrito significa speranza. Il partenariato strategico avviato da Mamo Educational Foundation e CINI mira, infatti, a sostenere i bambini e le bambine delle baraccopoli di Calcutta, realizzando azioni di empowerment e dando loro speranza.

In quest’ottica, si è dato avvio ai lavori di ristrutturazione dei locali situati al piano strada di Amader Bari, una delle nostre Case Rifugio, dove sarà aperto il Mamo Asha Centre. Questo rappresenterà il cuore dell’intervento educativo e di protezione dell’infanzia, dal quale si irradieranno servizi nelle comunità povere circostanti. L’obiettivo sarà quello di riportare i bambini a scuola, prevenendo l’abbandono scolastico, il lavoro minorile, il matrimonio precoce, il traffico di minori e altre forme di violenza contro l’infanzia. Il Mamo Asha Centre opererà come un centro polifunzionale, in grado di fornire servizi integrati per rispondere efficacemente ai bisogni dei bambini.

In secondo luogo, si mira a raggiungere le comunità marginali circostanti attraverso una rete di Spazi Sicuri Comunitari per l’Infanzia, dotati di Centri Educativi. Questi Spazi si rivolgeranno a bambini in età prescolare (3-5 anni) nelle ore mattutine, offrendo servizi dedicati alla prima infanzia. Nel pomeriggio, invece, accoglieranno bambini in età scolare (6-10 anni) a rischio di abbandono scolastico, supportandoli nello studio. Nel primo anno, si avvieranno 3 Spazi Sicuri Comunitari per l’Infanzia, raggiungendo 75 minori in situazione di grave marginalità.

Oltre a questi bambini, beneficeranno dell’intervento anche bambini e bambine che vivono sui marciapiedi e nelle zone vicino al Mamo Asha Centre, che godranno di servizi loro dedicati. I genitori degli studenti iscritti ai Centri Educativi saranno raggiunti da azioni di sensibilizzazione e supporto. Gli insegnanti di scuole primarie pubbliche selezionate nell’area di intervento potranno partecipare a formazioni specifiche. In generale, tutte le comunità residenti nel territorio potranno accedere a servizi e prestazioni attraverso un unico sportello di riferimento, vedendo garantiti i propri diritti fondamentali.

Post Comment

Top